bonus-2021-auto-famiglie-e-partite-iva

La firma della nuova legge di Bilancio è ormai prossima. La manovra di fine anno comprende un altissimo numero di bonus. I bonus 2021 infatti prevedono una serie di provvedimenti che garantiscono diversi sgravi e sconti ai contribuenti. Dai rubinetti agli occhiali fino ai cellulari, in questo articolo cerchiamo di fare ordine tra i principali bonus 2021 previsti dal nuovo maxi emendamento. Quest’ultimo è composto da 229 articoli, 500 pagine, e riunisce misure dal valore complessivo di 40 miliardi di euro. Tra gli altri bonus 2021 previsti: sgravi per l’assunzione di lavoratori fino ai 35 anni e zero contributi per chi assume donne disoccupate. Il prolungamento della Cassa integrazione e il bonus di 800 € per i lavoratori autonomi. Ma vediamo ora i principali bonus 2021 per famiglie, lavoratori e imprese. (fonte. corriere.it).

Bonus 2021: assegno unico per i figli

A partire da luglio, l’assegno sarà per ogni figlio a carico fino a 18 anni. Il pacchetto è il primo passo del Family Act, la riforma già approvata alla Camera.
Intanto, viene rifinanziato il bonus bebè per tutti i nati nel 2021. Arrivano anche il congedo di paternità obbligatorio allungato a 10 giorni e un fondo per le aziende che aiutano il rientro al lavoro delle neomamme. Ci sono aiuti per l’imprenditorialità femminile e 500 euro al mese per le mamme single e disabili.

Bonus 2021: mobili e super ecobonus 110%

Sale a 16 mila euro il tetto per il «bonus mobili», la detrazione al 50% per le spese sostenute per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici. Tra i bonus 2021 è previsto anche un bonus idrico da 1.000 euro. Gli interventi agevolati prevedono la sostituzione di vasi sanitari in ceramica con nuovi apparecchi a scarico ridotto o apparecchi di rubinetteria sanitaria. Oppure, soffioni doccia e colonne doccia resistenti con nuovi apparecchi a limitazione di flusso di acqua. Il bonus è riconosciuto anche per l’installazione di rubinetti e miscelatori per bagno e cucina e soffioni doccia.

Confermata anche la tanto auspicata proroga del Superbonus al 110% per tutto il 2022. Si tratta di una estensione di sei mesi più sei, fino alla fine dell’anno, per consentire il completamento dei lavori. Se entro giugno 2022 sono stati effettuati lavori per almeno il 60% dell’intervento complessivo, la detrazione al 110% potrà essere estesa anche per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2022.

Bonus 2021: voucher occhiali e TV

L’emendamento prevede un voucher di 50 euro per l’acquisto di occhiali da vista o lenti a contatto. Beneficiari sono i nuclei familiari con un valore Isee non superiore a 10 mila euro. Tra le novità del 2021 è anche prevista l’estensione del bonus tv, lo sconto fino a 50 euro per cambiare i vecchi televisori.

Ti potrebbe interessare: Come attivare il Cashback di Stato senza Spid

Bonus smartphone: telefono gratis e Internet pagata per un anno

Per i redditi più bassi nel 2021 arriverà anche smartphone in comodato d’uso e Internet gratis per un anno. Il «kit digitalizzazione» è previsto per chi vive in famiglie con reddito Isee sotto i 20 mila euro. In pratica consiste in un cellulare in comodato d’uso connesso ad Internet per un anno. Nel kit è incluso l’abbonamento a due «organi di stampa» e l’app IO per i pagamenti digitali alla pubblica amministrazione e il cashback di Stato. Il beneficio è concesso a un solo soggetto per nucleo familiare. Per poter ottenere il kit occorre avere la Spid. Il finanziamento previsto è di 20 milioni di euro per il 2021.

Bonus 2021: cassa integrazione per autonomi, e professionisti

In favore di autonomi e professionisti la cui attività è stata duramente colpita dalla pandemia è in arrivo con il 2021 una nuova cassa integrazione. La misura dovrebbe essere riservata alle partite Iva iscritte alla gestione separata dell’Inps e prenderà il nome di «Iscro». (acronimo di «Indennità straordinaria di continuità reddituale e operativa»). Ne parlavamo in un articolo precedente, clicca qui per approfondire l’argomento e conoscere i requisiti. Stop anche ai contributi per gli autonomi. L’agevolazione è riconosciuta a condizione che l’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del 2020 sia inferiore ai due terzi dell’ammontare del 2019.

Bonus 2021: blocco dei licenziamenti fino al 31 marzo

La manovra estendo fino al 31 marzo 2021 il blocco dei licenziamenti che va avanti dall’inizio della pandemia. Confermate anche le eccezioni: si potrà licenziare in caso di esodi incentivati, frutto di accordo aziendale; in caso di cessazione d’attività dell’impresa, o nelle ipotesi di fallimento. La legge di Bilancio conferma per i lavoratori dipendenti il taglio del cuneo fiscale anche per i redditi tra 28 mila e 40 mila euro. L’operazione, secondo il governo, dovrebbe essere l’anticipo di una più generale riforma dell’Irpef e delle aliquote della tassazione sui redditi da lavoro dipendente.

Bonus 2021: incentivi auto elettrica

Confermati gli incentivi auto già previsti nei decreti Rilancio e Agosto con bonus di ulteriori 2.000 euro per veicoli elettrici e ibridi. Inoltre, arriva un bonus di 1.500 euro per gli euro 6 di ultima generazione. Sempre però in presenza di rottamazione dell’usato e con sconto aggiuntivo di 2.000 euro da richiedere direttamente al venditore. Bonus fino al 40% delle spese sostenute per acquistare un’automobile elettrica entro il 2021 per chi ha un Isee inferiore ai 30 mila euro.

Bonus 2021: sgravi per le assunzioni di under 35 e al Sud

Sgravi al 100% per tre anni per le nuove assunzioni a tempo indeterminato. E per le trasformazioni dei contratti a tempo determinato in contratti a tempo indeterminato effettuate nel biennio 2021-2022. L’incentivo scatta per assumere giovani fino a 35 anni. L’esonero sale a 48 mesi per le assunzioni fatte in una sede ubicata nelle seguenti regioni: Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Sicilia, Puglia, Calabria e Sardegna. Per le aziende del Sud è previsto l’esonero del 30% dei contributi previdenziali e assistenziali per i dipendenti fino al 2029.

Leggi anche: la consulenza al servizio della corretta strategia aziendale

Bonus 2021: stop prima rata Imu

Stop alla prima rata dell’Imu 2021 per alberghi, agriturismi, stabilimenti balneari e termali, villaggi turistici, ostelli della gioventù, rifugi di montagna. Ancora: colonie marine e montane, affittacamere per brevi soggiorni, case e appartamenti per vacanze, bed & breakfast, residence e campeggi; allestimenti di strutture espositive nell’ambito di eventi fieristici o manifestazioni; discoteche, sale da ballo, night-club e simili.

Bonus 2021: contributo ai proprietari che affittano case scontate

Via libera al contributo a fondo perduto ai proprietari che riducono il canone di affitto di immobili situati nei comuni ad alta tensione abitativa. Gli immobili in questione devo essere abitazioni principali del locatario. Il contributo è riconosciuto sino al 50% della riduzione del canone, entro il limite massimo annuo di 1.200 euro per singolo locatore.

Bonus 2021: bonus chef

Credito d’imposta fino al 40% delle spese sostenute dai cuochi professionisti di alberghi e ristoranti, da gennaio al 30 giugno 2021. Il bonus non potrà superare i 6.000 € e spetta per l’acquisto di macchinari e attrezzature professionali e per i corsi di aggiornamento.

Bonus 2021: aiuti al turismo e al settore aereo

Prolungato il credito d’imposta al 60% del canone di locazione degli immobili destinati alle imprese turistico ricettive fino al 30 aprile 2021. Credito che viene esteso anche alle agenzie di viaggio e ai tour operator. Il settore aereo si avvantaggerà di 500 milioni stanziati per compensare i gestori aeroportuali e i prestatori di servizi di assistenza a terra (handling).

Se vuoi chiederci un parere o precisarci qualcosa, non esitare a contattarci.